I presocratici

5,80  - 23,80  IVA inclusa, escluse spese di spedizione

Dai frammenti dei Milesi, Fitagorici, Eraclito, Parmenide, Empedocle, Anassagora, Leucippo e Democrito nonché da testi di Keplero, Nietzsche, Hegel e Kierkegaard.
Compilato, leggermente commentato e letto da Axel Grube.
Tempo di gioco 78 min.

Campioni audio

 Campione audio 1
 Campione audio 2

Ripristina la selezione

Non solo i presocratici stessi, ma anche i revenants - spesso nascosti - dei loro pensieri dovrebbero essere ascoltati in questa raccolta. I testi di Johannes Kepler, Friedrich Nietzsche, Hölderlin e Kierkegaard, ad esempio, hanno lo scopo di illuminare l'ampia aura del pensiero presocratico attraverso i secoli. L'emergere del pensiero presocratico urbano in un'"Età assiale" (Karl Jaspers) della storia intellettuale umana significa anche prima di tutto una caduta in un senzatetto dell'esistenza umana, la perdita di una religione ingenua. Le ipotesi della filosofia naturale e dei princìpi razionali primari hanno preso il posto di una visione del mondo chiusa dell'uomo, della natura e degli dei indirizzabili per la prima volta e hanno gettato l'uomo in una vastità di responsabilità personale, che lui - fino ad oggi - cerca in gran parte di sfuggire ai corpi celesti muoversi in tale quantità e grandezza, è impossibile che un suono inimmaginabilmente forte non ne derivi. Poiché presuppongono questo e anche che la velocità avrebbe le proporzioni razionali delle armonie musicali come risultato dei rispettivi rapporti di distanza, affermano che il suono delle stelle che si muovono in cerchio è armonico. Poiché sembra certamente incomprensibile che noi non ascoltiamo questo suono, essi affermano come causa di ciò che questo suono esiste già dalla nostra nascita, in modo che non si distingua da un silenzio che gli si oppone. ' (Pitagora, più antico Phytagoras)

Peso nv
Dimensioni nv
Translate »