Stefan Zweig - lettera di uno sconosciuto

6,00  - 9,80  IVA inclusa, escluse spese di spedizione

Lettura del testo integrale di Axel Grube
Tempo di gioco 2 ora 8 min.

Ripristina la selezione

Una tredicenne della Vienna degli anni Venti del secolo scorso, sola in una vita squallida e poco entusiasmante con la madre, si innamora irresistibilmente di un nuovo vicino, un giovane scrittore e bon vivant che si trasferisce nell'appartamento di fronte con suo servo. Da giovane donna - la famiglia nel frattempo si era trasferita a Innsbruck grazie al matrimonio della madre - torna a Vienna, si avvicina nuovamente allo scrittore e trascorre una notte con l'altrettanto colto ma indifferente bon vivant. È lontano dal riconoscere la giovane ragazza nella donna adulta. Passa altre due notti con la disattenta sottigliezza prima che parta per un viaggio - per ritirarsi su di esso. Dalle notti insieme emerge una gravidanza. Un figlio è nato e cresciuto dal genitore single. La sconosciuta si assunse come cortigiana in circoli "migliori", principalmente per consentire al figlio di ricevere un'istruzione speciale. Inganna diversi ammiratori ben intenzionati che vogliono trasformare il rapporto con la bella donna in un matrimonio ben curato. Vuole mantenersi libera per il tuo amore. Infine c'è un'altra notte insieme, in cui il bon vivant mostra con il pagamento mattutino che considera anche la giovane donna come una cortigiana e che ancora non la riconosce. Dopo la morte di suo figlio - che muore di febbre da bambino - lo straniero si rivela al suo amante in una lettera e sottolinea che lo riceverà solo come una lettera da un morto. Lo scrittore, commosso dalla lettura della lettera, che occupa la parte principale della narrazione, ricorda ancora solo vagamente. Come in un sogno lontano, gli appare l'immagine della ragazza del quartiere e della giovane donna che si è sempre donata a lui non riconosciuta e amorevole.

Peso nv
Dimensioni nv
Translate »