Le "Confessioni" di Agostino e il "Grande Inquisitore" di Dostoevskij

5,80  - 23,80  IVA inclusa, escluse spese di spedizione

Confronto di una selezione di Aurelio Agostino Confessioni e narrazione interna Il Grande Inquisitore dal romanzo I fratelli Karamazov, di FM Dostojefski.
Letto da Axel Grube
1 CDA
Tempo di gioco: 73 min.
Campioni audio

 Campione audio 1
 Campione audio 2
 Campione audio 3

Ripristina la selezione

Dostoevskij in una conferenza agli studenti di San Pietroburgo nel 1879 sulla sua storia Il Grande Inquisitore: “Il tutto va inteso come segue: se la fede in Cristo viene falsificata e mescolata con i fini di questo mondo, allora si perde anche il senso del cristianesimo. La mente cade nell'incredulità e al posto del grande ideale di Cristo sarà costruita solo una nuova torre di Babele. Mentre il cristianesimo aveva un'alta concezione dell'individuo, l'umanità sarà vista solo come una grande massa, e sotto il manto dell'amore sociale non fiorirà altro che l'evidente disprezzo per gli esseri umani. esseri umani, la soppressione della buona novella Le confessioni di Aurelio Agostino di Dostoevskij possono essere contrapposte alla «libertà morale di scelta dell'uomo». F. Nietzsche ad Agostino: »La vendetta nascosta, la piccola invidia diventa padrona! Tutto ciò che è patetico, sofferente in sé, ossessionato da cattivi sentimenti, l'intero mondo Gettho dell'anima improvvisamente in cima. Basta leggere qualche agitatore cristiano, sant'Agostino per esempio, per capire, per annusare che tipo di gente impura se ne è inventata." (Friedrich Nietzsche: L'Anticristo)

Peso 94 g
Dimensioni 13 × 13 × 1 mm
Translate »